Contenuto Principale
Sabato, 18 Ottobre 2014

MUOVERSI LIBERI, MUOVERSI SOSTENIBILI - Un disegno di legge provinciale di iniziativa popolare per ridisegnare la mobilità in Trentino

Postato da  

Riceviamo e pubblichiamo quanto pervenuto in redazione, a cura dei comitati promotori.

Sono diversi, ma accomunati dallo stesso desiderio, i soggetti che lo scorso gennaio hanno dato avvio ad un tavolo di lavoro per la stesura di un disegno di legge provinciale di iniziativa popolare sulla mobilità sostenibile. L'obiettivo dei soggetti promotori è quello di trasformare la mobilità del Trentino secondo criteri di sostenibilità, efficienza ed efficacia. Il sogno è quello di vedere drasticamente ridotta al 30% la quota parte del traffico motorizzato privato in favore di modalità più leggere e rispettose del territorio. E allo stesso tempo di vedere garantito il diritto alla mobilità di coloro che – residenti o turisti – si trovano a doversi spostare nella provincia di Trento. L'approccio del disegno di legge non vuole però colpevolizzare e penalizzare gli automobilisti, quanto offrire opportunità alternative, tali da rendere davvero possibile e desiderabile l'auspicabile cambiamento nelle scelte di mobilità dei cittadini. Si tratta cioè di dare maggiore libertà di scelta, nella consapevolezza che l'auto privata comincia ad essere, sempre più frequentemente, un'opzione obbligata e un gravoso costo (una ricerca dell'ACI ha quantificato in 3000 euro annui il costo che le famiglie italiane devono affrontare in più rispetto agli altri paesi europei a causa della mancanza di un efficiente sistema di trasporto pubblico) invece che una libera scelta.

Strumento prioritario per rendere concreto questo scenario è l'investimento significativo nel trasporto pubblico locale e nella mobilità collettiva che, nell'ipotesi legislativa, si evidenzia con la definizione di un vero e proprio fondo dedicato alla mobilità sostenibile. In un momento di carenza di risorse finanziarie pubbliche, il comitato chiede che vengano ridefinite le priorità, tenuto conto (e anzi, misurando concretamente) della riduzione sostanziale dei costi finanziari, sociali e ambientali che il cambio della attuale mobilità provinciale potrebbe comportare. In secondo luogo il disegno di legge pone come necessaria la pianificazione e riorganizzazione del sistema di mobilità provinciale in ottica di multimodalità, integrando il trasporto pubblico con car sharing e car pooling, con bike sharing e valorizzazione della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano, rendendo più bella e facile la mobilità pedonale e favorendo la capillare, precisa e facile informazione su tutte queste possibilità. Due sono inoltre gli elementi di novità che caratterizzano il progetto: da un lato la proposta di rendere il Trentino una “zona a trasporto pubblico gratuito”, con conseguenti impatti positivi sulle scelte dei cittadini e una maggiore rapidità nel raggiungimento degli obiettivi della legge. Dall'altra il porre come prioritarie le questioni di metodo nella definizione della politica della mobilità, rendendo obbligatoria – e precisamente normata - la partecipazione della cittadinanza alla definizione delle politiche della mobilità e al loro controllo e monitoraggio .

Dopo alcuni mesi di lavoro per la elaborazione delle linee guida principali e dell'ossatura della proposta di legge di iniziativa popolare, le associazioni promotrici e i cittadini che hanno aderito, hanno ottenuto dal Presidente del Consiglio Provinciale l'intervento dell'Ufficio Legislativo per la redazione formale del testo di legge. Ad aprile si è quindi aperta una fase di lavoro più tecnica dedicata a trasformare le “visioni” in strumenti legislativi utili a concretizzare i principali dell'iniziativa. La fase di redazione del testo legislativo si è conclusa a fine agosto.

Seguendo le procedure previste dalla normativa sull'iniziativa popolare, dal 15 settembre è partita la raccolta delle adesioni degli elettori in tutto il Trentino, che dovrà raggiungere l'obiettivo di 2.500 firme entro il 15 dicembre.

Il lancio dell'iniziativa si è svolto martedì 16 settembre, nella giornata di apertura della settimana europea della mobilità (16-22 settembre), dove nella sala conferenza del MUSE un centinaio di persone hanno assistito alla presentazione del disegno di legge e hanno avuto modo di discuterne i contenuti e i metodi.

Al dibattito erano presenti anche gli Assessori ai trasporti e alla salute. L'Assessore Gilmozzi, pur condividendo gli obiettivi della proposta ha evidenziato resistenze a discutere le questioni finanziarie. L'Assessora Borgonovo Re ha invece sottolineato come il piano della salute in via di definizione avrà una significativa parte dedicata alla “prevenzione” e in questa parte la mobilità sostenibile dovrà avere un ruolo. La serata è stata una prima occasione per aprire il dibattito.

Favorire la discussione è proprio uno degli intenti dell'iniziativa, che si inserisce nel solco aperto dal disegno di legge sulla democrazia diretta che è alla discussione del consiglio attualmente. Si ricerca una maggiore partecipazione e condivisione delle scelte, nella convinzione che le scelte politiche strategiche per un territorio non possano e non debbano essere delegate né al consiglio provinciale, né tanto meno alla giunta, ma devono essere frutto di riflessioni condivise in cui anche i cittadini abbiano voce in capitolo. Non solo perché si tratta di una questione di “democrazia sostanziale”, ma anche perché, nell'ambito della mobilità sostenibile è evidente che solo il coinvolgimento in fase progettuale dei cittadini può assicurare il successo delle strategie elaborate e decise dall'amministrazione.

INFORMAZIONI

La raccolta firme avverrà in specifiche occasioni organizzate dai promotori (Noi amici del trasporto pubblico, Comitato trasporto pubblico gratuito, Amici della terra, Wwf Trentino, Comitato per lo sviluppo sostenibile, Italia nostra, Transdolomites, Jungo, Trentino Arcobaleno, Federconsumatori, Donne Rendena, Fit Cisl, Uil trasporti, Filt Cgil, Orsa, Faisa Cisal), ma ogni elettore/elettrice può recarsi a firmare l'iniziativa popolare direttamente nel proprio comune di residenza.

Il calendario delle iniziative e informazioni aggiornate si possono trovare su: mobilitasostenibiletrentino.wordpress.com e pagina fb Mobilità sostenibile in Trentino

 

 

 

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Buon compleanno PergineVox!
    Scritto da
    E’ trascorso il primo anno di vita di Pergine Vox. Imprescindibile, anche se può apparire scontato, il ringraziamento a tutti coloro che lo seguono, numerosissimi e costanti, a testimoniare che nell’era della stampa mercificata a megafono delle idee e delle notizie prezzolate e spesso fasulle, vi è una sensibile e accorta esigenza di informazione spuria, asetticamente indipendente da visioni ed opinioni con secondi fini. Il nostro fine, dichiarato nel nome, è di fornire notizie sulla comunità perginese, ma la correlazione di fatti ed eventi a livello provinciale, nazionale ed europeo, ci inducono spesso a proporre riflessioni sulla politica e sulla…
    Leggi tutto...

Utenti online

Abbiamo 591 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto