Contenuto Principale
Domenica, 27 Settembre 2015

L' albero della vita

Postato da  
L' albero della vita

In questi giorni, anche nella nostra città di Pergine Valsugana, la comunità islamica ha celebrato la festa dell'Agnello.

Una festa che trae origine dall'Antico Testamento e si rifà all'obbedienza di Abramo verso il comando di Dio, di uccidere il figlio Isacco. Fermato, prima di fendere il pugnale sul figlio, da un messaggero celeste mandato da Dio, Abramo sacrifica un agnello, trovato lì vicino, impigliato nei rovi.

Questa la spiegazione della ricorrenza islamica, che mi è stata resa da un collega arabo, professante la sua religione. Mi ha colpito molto questa spiegazione, che nella sua essenziale semplicità, priva di ridondanze, mi ha ricordato che anche nella nostra cultura cristiana viene raccontata la medesima storia.

Com’è noto cristianesimo ed islam, seppure questi cronologicamente più giovane, pervengono dalla stessa fonte: la Bibbia.

La Fede dei due popoli (islamico e cristiano) ad un certo punto della storia si è divisa, formando due rami dello stesso albero, le cui radici sono i racconti dell'Antico Testamento.

Oggi, questi due rami con tutti i loro ramoscelli, foglie ,ecc,ecc, così com’è accaduto nei secoli scorsi, si fanno ombra l'un l'altro cercando d’ epoca in epoca, di offuscarsi o di farli reciprocamente precipitare.

In realtà, approfondendo la conoscenza dell’uno e dell’altro fondamento religioso, scopriamo che non vi sono grandi differenze, così come spesso si vorrebbe far apparire.

Sorge quindi spontanea la domanda: a chi giova creare discordia e disappunto, diffidenze e diversità inconsistenti tra le genti che professano le due diverse credenze? E, perché ?

Forse la radice non si alimenta più in un terreno fertile e sufficientemente profondo?

Difficile rispondere. Meno difficile sarebbe manifestare maggior tolleranza e approfondimento nella conoscenza “dell'altro”, che così diverso da noi non risulta essere...

 

Giorgio Decarli

 

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • La quarta guerra d’indipendenza
    Scritto da
    In Italia ci sono persone di tutte le età, che iniziano a lavorare alle prime ore del mattino e continuano per tutto il giorno nella loro infaticabile ed appassionata opera. Spesso si dice che è la necessità ad indurle al lavoro, sminuendo e svilendo la motivazione originaria di quel fare. Non si lavora per solo denaro. Anzi, per l’uomo in salute il lavoro è l’irrinunciabile espressione di se stesso, per questo esso è posto all’inizio della nostra Costituzione. Chiunque lavori con passione, avverte quell’intimo appagamento generato dalla consapevolezza di aver ben eseguito la propria attività. Muratore ed operaio, contadino ed…
    Leggi tutto...

Utenti online

Abbiamo 221 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto