Contenuto Principale
Sabato, 29 Novembre 2014

La dittatura silente In evidenza

Postato da  
Vota questo articolo
(0 Voti)
La dittatura silente

Da qualche settimana la TV austriaca sta assiduamente trasmettendo uno spot pubblicitario, che mostra un’anziana signora in difficoltà a riconoscere il valore delle tante, spesso inutili monetine, in cui è frazionato l’euro.

La soluzione alle sue pene è brillantemente offerta dall’uso del bancomat. Esibendolo all’atto degli acquisti, ogni problema è risolto ed alla signora ritorna il sorriso. Eccezionale!

Da anni, in Italia, siamo sotto l’assedio del denaro elettronico. Attraente, una volta, per fare acquisti non programmati e differirne il pagamento di qualche settimana o più, giusto in tempo perché sul conto corrente giungessero, provvidenziali, nuovi fondi e via, di nuovo a spendere il denaro che verrà. Ma oggi che le banche sono pronte come un cecchino sul grilletto, a premere sul tasto del blocco del bancomat o della carta di credito, al primo sforamento di disponibilità del conto, il gioco ha rivelato il suo limite. Meglio i soldi contanti, accolti con un sorriso dai piccoli dettaglianti del commercio, disposti a fare anche uno sconto innanzi all’esibito euro sonante.

Il suo uso, si sa, è stato ristretto per i pagamenti con limite di 1000 euro, da uno dei tanti decreti legge emanati in questi ultimi anni, da governi che avrebbero tranquillamente potuto contare sul voto democratico di larghe maggioranze. Lo stesso strumento di legge, oggi ampiamente utilizzato da questo governo riformista ed efficientista, che ha pensato d’introdurre con un magico emendamento nella “legge di stabilità”, il pagamento coatto del canone Tv nella bolletta dell’Enel.

Chiunque possegga un telefono di nuova generazione, un PC, può ricevere i programmi della RAI anche senza possedere una TV o una radio, pertanto, la presunzione del beneficio dà così titolo per imporre a tutti la gabella, anche se in modo palesemente surrettizio.

E’ infatti noto come oggi, grazie ai nuovi contatori “intelligenti”, la bolletta dell’Enel sia tutt’uno tra servizio reso e corrispettivo assolto: provate a non provvedere al suo pagamento ed il buio accompagnerà le vostre lunghe serate d’inverno.

Ma chi l’ha deciso? Una mente efficientista e draconiana.

E’ il tratto di chi adotta prassi estranee alla democrazia, in particolare da quella sancita dalla nostra Costituzione; di chi già controlla molto, troppo delle nostre libertà in nome della sicurezza, delle necessità economiche contingenti e del rispetto di trattati internazionali, sottoscritti in nome del popolo italiano, da una classe politica dichiarata illegittima dagli stessi, competenti, Organi dello Stato.

E’certo che giunti a questo punto, “laddove si puote”, si ritiene che per indurre l’italico popolo a fare quanto si desidera, sia inutile non solo il voto di un Parlamento, ma non serva nemmeno l’opera di sensibilizzazione di una banale pubblicità mirata ad una vecchietta.

La dittatura silente è già stata attuata.

Tanti auguri!

 

Mirco Cattani

 

Letto 870 volteUltima modifica il Sabato, 29 Novembre 2014 21:41

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Intervista a Cristiano De Eccher, canditato Presidente per Fratelli D’Italia
    Scritto da
    Incontriamo Cristiano De Eccher, candidato Presidente della Provincia Autonoma di Trento, alle prossime elezioni del 27 ottobre 2013, per il partito FRATELLI d’ITALIA. Nato a Bolzano il 16 agosto del 1950, diplomato al Liceo Prati di Trento, ha conseguito la Laurea in Scienze Forestali presso l’ Università di Padova. Docente di Scienze all’Istituto tecnico industriale di Trento è stato Consigliere Comunale a Riva del Garda per tre mandati consecutivi. Nel 2003 è stato eletto Consigliere Provinciale nelle liste del PDL. Dal 2008, sino a marzo del 2013 è stato Senatore della Repubblica, rappresentando le istanze del Trentino quale membro del…
    Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto