Contenuto Principale
Sabato, 10 Gennaio 2015

Per chi suona la campana? In evidenza

Postato da  
Vota questo articolo
(0 Voti)
Per chi suona la campana?

Trascorse le festività di capodanno, in Germania migliaia di persone si sono date appuntamento nelle piazze di alcune importanti città per evidenziare la dilagante islamizzazione della società tedesca.

A Dresda si sono riunite 18.000 persone, che hanno voluto esprimere il diritto di poter vivere secondo leggi che si fondino sulle proprie tradizioni culturali.

“Patriotische Europaer gegen islamisierung des Abendlandes” (Europei patriottici contro l’islamizzazione dell’occidente), questo è il nome del movimento, nato per iniziativa di un artigiano di Dresda, Lutz Bachmann, che dalle poche centinaia di persone coinvolte agli inizi di ottobre del 2014, ha rapidamente coagulato attorno a se migliaia di uomini e donne, preoccupati della dilagante, ipocrita, tolleranza razziale propugnata dalle liberticide politiche della UE.

E’ ampiamente chiaro e ribadito negli stessi slogan del movimento, che non si tratta di razzismo, ma difesa dalla banalizzazione dei propri usi e costumi, eredità culturale del mondo occidentale.

Il genere umano ha nelle differenze culturali che lo caratterizzano e che emanano dalla storia di ciascun popolo, il proprio principale patrimonio. Non oro, né materie prime costituiscono il bene primario, ma l’interrelazione di esse, in termini di esperienza e armonica condivisione delle risorse offerte dal pianeta condiviso.

Subdole macchinazioni legislative, imposte ai parlamenti degli stati UE, sotto le mentite spoglie di un’eguaglianza e tolleranza, che possono essere condivise solo fra uguali, sono ormai giunte al capolinea della sopportazione non fisica ma intellettuale di molti europei.

La campana d’allarme ha così iniziato a suonare. Chi sarà più sensibile al suo richiamo?

 

Mirco Cattani    

Letto 1112 volte

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • 2017 fuga da New York
    Scritto da
    “1997 fuga da New York” è un film di John Carpenter, girato nel 1981. Si ipotizza che nel 1988 il centro della capitale degli affari americani sia stato ridotto ad un carcere a cielo aperto, delimitato da una cinta muraria alta 15 metri. Impossibilitato a gestire l’ordine pubblico nella città, lo stato l’ha resa un bagno penale, gestito dagli stessi detenuti. Baltimora, 600.000 abitanti, aprile 2015. Imponenti e violenti scontri per le strade della città tra cittadini e guardia nazionale intervenuta a sedare i disordini, occupano la scena della cronaca USA dell’ultima settimana. Una rivolta che si aggiunge a quelle…
    Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto