Contenuto Principale
%PM, %29 %875 %2015

Discorso della servitù volontaria

Postato da  
Discorso della servitù volontaria

Titolo: Discorso della servitù volontaria

Autore: Etienne De la Boétie (Filosofo e umanista, 1530-1563)

Editore: Classici Feltrinelli

 

Talismano dei disobbedienti, manifesto segreto di ogni libertario: il Discorso della servitù volontaria è un capolavoro clandestino che non perdona.

L’autore sostiene che i tiranni detengono il potere perché sono i sudditi a concederglielo volontariamente (servitù volontaria), preferendo la sicurezza di vivere miseramente alla dubbia speranza di vivere agiati;

indotti da circenses, scrupolo religioso, corruzione ed abitudine, quella capace di forzare qualsiasi inclinazione naturale alla libertà e di far diventare naturale ciò che non è connaturato all’uomo, gli asserviti mettono la propria vita nelle mani di un'unica persona. Boètie deplora quindi la tirannia e, con essa, ogni forma di governo (nonché credo religioso) che neghi agli individui la libertà radicale, il potere di tutti e di ognuno. L’oppressione si regge infatti anche sulla connivenza delle vittime, uomini che amano le proprie catene più di se stessi.

Per enfatizzare questo concetto, l’autore giunge perfino a definire la tirannide “democratica” nel consentire a ciascuno di farsi oppressore dell’altro; afferma, infatti, che il tiranno sottomette i sudditi gli uni per mezzo degli altri. L’unica soluzione è che il popolo stesso combatta il despota, non con la forza,bensì nel modo più pacifico che ci sia: smettendo di obbedire.

 

Cinzia Albertini

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Il Trentino visto da un socialista
    Scritto da
    Titolo: Il Trentino visto da un socialista Autore: Benito Mussolini Editore: La Finestra, Trento 2003 La riedizione di un libro, tra i migliori scritti da Benito Mussolini giornalista, apparsa nel 1911 a Firenze, per i tipi della Casa editrice Italiana di A.Quattrini, è un’occasione per “leggere” come fosse la Trento asburgica del primo decennio del novecento. Un sintetico modo per comprendere il fondamento italico del Trentino ed i caratteri di quella “tipicità” che alcuni decenni dopo, intervenne a giustificare la concessione dell’Autonomia speciale, oggi considerata immotivato privilegio.
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 313 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto