Contenuto Principale
Domenica, 27 Novembre 2016

Napolitano, ancora tu?

Postato da
Napolitano, ancora tu?

Il senatore a vita Giorgio Napolitano, ex presidente della Repubblica, è sempre fra noi: parla, pontifica, ammonisce.

Parla frau ipocrisia, alias Rebbekah Dorothea Kasner al secolo Angela Merkel aspirante cancelliere tedesco per la quarta volta

La cancelliera tedesca Angela Merkel, dopo aver ufficializzato la propria candidatura per ottenere il quarto mandato consecutivo, ha annunciato di voler prendere provvedimenti contro la diffusione di notizie false riconducibili alla “teoria della cospirazione”,da lei ritenute responsabili della manipolazione dell’opinione pubblica del web, con particolare riferimento all’aumento dei populismi nei social media. 

Bombardato l’ultimo ospedale di Aleppo – L’ennesimo ultimo

Uno vorrebbe occuparsi di persone più serie. Ma quando si sente per l’ennesima volta tale Goracci (da noi pagata) ripetere in tv che i bombardamenti russi hanno distrutto “l’ultimo ospedale pediatrico di Aleppo”, sicché “i bambini di Aleppo” sono lasciati senza cure  Dall’immensa crudeltà di Assad e Putin, bisogna pur avvertire i nostri lettori: la signora da voi pagata  emana  menzogne di propaganda.

I governanti europei, accolto Barak Obama nel suo viaggio d’addio la settimana scorsa, gli hanno fatto l’ultimo regalo:  hanno prolungato di un altro anno le sanzioni alla Russia (costo per l’Italia 7,3 miliardi), poi hanno giurato nelle  mani dell’uscente di  :
1) arrivare comunque a firmare il TTIP,  detestato da tutti i popoli delle due sponde atlantiche;
2) ampliare la globalizzazione sempre di più;
3)  continuare a  tenere aperte le frontiere all’immigrazione senza limiti;
4) mantenere la NATO così com’è, in posizione  di aggressivo riarmo; 
5)  continuare e a perseguire   normative mondiali contro il  riscaldamento globale;  
6) sul Medio Oriente, e specialmente la Siria, continuare ad obbedire alle direttive che Obama  ha indicato, compresa la finta guerra al terrorismo dell’IS.

Lunedì, 21 Novembre 2016

Donald Trump: la palude e il fuoco

Postato da
Donald Trump: la palude e il fuoco

di Alexander Dugin

“La Palude” sta per diventare il nuovo nome della setta globalista: gli adepti della società aperta, i maniaci LGBT, l’esercito di Soros, i post-umanisti e così via. Bonificare la palude non è un imperativo categorico solo per l’America. Si tratta di una sfida globale per tutti noi.

Lo strano populismo del XXI secolo (Rivolta cosciente delle masse o “Istinto collettivo di sopravvivenza”?) di Eugenio Orso

Populismo, ai giorni nostri, è soltanto un’espressione politicamente corretta che corrisponde a un interdetto, un vero e proprio tabù escludente dal dibattito politico, che al pari degli altri tabù politicamente corretti, impedisce il pensiero critico e stronca sul nascere qualsiasi opposizione al potere vigente.

Denaro contante: una libertà che ci vogliono togliere

Sono trascorsi pochi giorni da quando ho riferito della gravità della situazione venezuelana e, ora, coerentemente alla crisi globale che ritengo scientemente orchestrata, mi trovo costretto a riferire dell’India nel caos, delle corse agli sportelli, della valuta in caduta libera e dell’incertezza economica. 

La sinistra mondialista si è persa il popolo ma ottiene i favori del grande capitale

di  Luciano Lago

Non è difficile comprendere che il rapido sucedersi degli avvenimenti in questo scorcio dell’anno 2016 avrà degli effetti duraturi su tutto il percorso storico di questo inizio di secolo, tanto che molti analisti iniziano a parlare di un punto di inflessione, ovvero un possibile cambiamento di tendenza della fase storica del Mondo Occidentale che non mancherà di avere i suoi riflessi sul resto dei continenti.

Obama tenta di liquidare i testimoni dei suoi crimini

Da una fonte sicura è trapelata una informazione circa l’ordine impartito da Barack Obama al Pentagono di individuare ed uccidere i leaders del ramo di Al Qaeda in Siria in modo da occultare le proprie responsabilità per aver fomentato, armato e sostenuto i gruppi terroristi tagliagole che hanno seminato la morte nelle zone della Siria.

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

Redattore

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto