Contenuto Principale
Più immigrati meno figli. Ce lo chiede la UE – ed El Papa.

Il web è (giustamente) in ebollizione per quel che hanno detto, dopo aver firmato un accordo italo-tedesco sulla formazione, le due ministre dell’istruzione, Stefania Giannini e Johanna Wanka.  Prendo daIntelligoNews, il primo a dare l’allarme:

“L’Italia deve prendere spunto dalla Germania e colmare la discrepanza che ci divide dai tedeschi. L’accordo odierno è solo l’ultimo passo dopo il Jobs Act e La Buona Scuola per riformare radicalmente il nostro sistema”, secondo la Giannini. E ha dipinto, con la Wanka, una società completamente nuova: “Non ci sarà più spazio per la famiglia come la intendiamo oggi. La flessibilità induce le persone a spostarsi individualmente, il modello di famiglia a cui siamo abituati, che rappresenta stabilità e certezze, non esisterà più”. E ancora: “Dobbiamo tendere sempre più verso un modello americano, in cui la flessibilità, che è sinonimo di precariato, è la base di tutto il sistema economico”.

Pubblicato inNazionale / Estera

Con il termine Digital Divide generazionale, viene inteso il distacco apparentemente incolmabile tra i giovanissimi e le generazioni precedenti.
È confermato da molte ricerche che la generazione degli over 40 è in forte ritardo tecnologico rispetto ai propri figli.

Pubblicato inCultura e Società
Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • E’ ad est che sorge il sole.
    Scritto da
    Il blocco totale delle importazioni in Russia dei prodotti alimentari provenienti dalla UE, dagli USA e dai Paesi che hanno approvato le sanzioni contro di essa per la contesa sull’Ucraina, si aggiunge ai provvedimenti già intrapresi da Mosca sulle forniture di gas, essenziali per alcuni stati della UE. Mentre Putin stringe nuove e più concrete relazioni economiche con India e Cina, l’UE si ostina a ragionare con le logiche di USA e GB, nell’intento di placcarne lo sviluppo.
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 620 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto