Contenuto Principale
Soros esce allo scoperto ed ammette di finanziare l’ondata migratoria

di L.Lago

Ci voleva il summit dell’ONU sulle migrazioni per ascoltare le dichiarazioni ufficiali del grande “sobillatore”, il finanziere ultra miliardario e speculatore George Soros, il quale, dopo aver riconosciuto di essere partecipe e sponsor dell’ondata di sollecitanti asilo che sono entrati in Europa nell’ultimo anno e mezzo, ha voluto presentarsi nelle vesti del “grande benefattore” ed ha assicurato che attualmente il suo obiettivo è quello di “creare imprese e prodotti” per migliorare le condizioni di vita dei migranti e rifugiati.

Pubblicato inNazionale / Estera
Più immigrati meno figli. Ce lo chiede la UE – ed El Papa.

Il web è (giustamente) in ebollizione per quel che hanno detto, dopo aver firmato un accordo italo-tedesco sulla formazione, le due ministre dell’istruzione, Stefania Giannini e Johanna Wanka.  Prendo daIntelligoNews, il primo a dare l’allarme:

“L’Italia deve prendere spunto dalla Germania e colmare la discrepanza che ci divide dai tedeschi. L’accordo odierno è solo l’ultimo passo dopo il Jobs Act e La Buona Scuola per riformare radicalmente il nostro sistema”, secondo la Giannini. E ha dipinto, con la Wanka, una società completamente nuova: “Non ci sarà più spazio per la famiglia come la intendiamo oggi. La flessibilità induce le persone a spostarsi individualmente, il modello di famiglia a cui siamo abituati, che rappresenta stabilità e certezze, non esisterà più”. E ancora: “Dobbiamo tendere sempre più verso un modello americano, in cui la flessibilità, che è sinonimo di precariato, è la base di tutto il sistema economico”.

Pubblicato inNazionale / Estera
L’Europa è in caduta libera

L’Europa è in caduta libera. Nessuno può più metterlo in dubbio. In effetti, l’Europa è simultaneamente vittima di diversi problemi cruciali ognuno dei quali potrebbe potenzialmente diventare catastrofico. Esaminiamoli individualmente.

Pubblicato inNazionale / Estera
Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Faremo la fine della Grecia?
    Scritto da
    Da quando “Il debito pubblico” ha iniziato a riempire le prime pagine dei quotidiani, per dare sostegno ai provvedimenti fiscali d’emergenza intrapresi dagli ultimi salvifici governi “tecnici”, un’affermazione ha iniziato a circolare con frequenza tra le persone: “… se non accettiamo queste imposizioni, faremo la fine della Grecia” . Ora la Grecia ha finalmente votato un governo, che sembra essere scaturito dall’effettiva volontà popolare e non da fagocitazioni di affabulatori, posti alla ribalta da ben orchestrate propagande di marketing.
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 400 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto